Home / Newsletter / NEWSLETTER N° 23/2016 – ANTIRICICLAGGIO NEWS

NEWSLETTER N° 23/2016 – ANTIRICICLAGGIO NEWS

SGRCONSULTING

L’Italia sembra già pronta a recepire la IV direttiva europea in materia di antiriciclaggio. Lo conferma Bankitalia che, tra l’altro, rende omaggio all’impegno delle istituzioni finanziarie del Paese per le segnalazioni sospette inoltrate e giunte, quest’anno, al numero record di 53 mila solo nei primi nove mesi. Cifra che promette di superare le 82.428 dell’anno scorso.

Tra l’altro l’istituto di via Nazionale ha anche assegnato i compiti a casa chiedendo randomicamente alle banche di effettuare un’autovalutazione sulla loro esposizione al riciclaggio. Pratica che potrebbe diventare di routine se la quarta direttiva dovesse richiederlo e che potrebbe anche essere estesa agli intermediari.

Tuttavia è l’approccio risk based l’innovazione su cui fa perno la nuova direttiva in recepimento. Questo metodo consiste nella profilazione degli intermediari vigilati dal punto di vista dell’esposizione e sulla base di quattro gradi: rischio alto, rischio medio/alto, rischio medio/basso, rischio basso.

L’istituto ricorda che è in programma un’adeguata verifica rafforzata per le transazioni finanziarie avvenute con soggetti residenti in Paesi con lacune strategiche, per le piattaforme di scambio di valute virtuali e per le carte prepagate.

Argomento da sempre spinoso su cui su cui si cercherà di dare una direzione più precisa è quella dell’individuazione del titolare effettivo intreccia attraverso la creazione un «registro dei titolari effettivi» in un’apposita sezione del registro delle imprese accessibile alle autorità competenti.

NEWSLETTER N 23 (416.3 KiB)

IN EVIDENZA

oamQuadrato

NEWSLETTER N° 5/2018: “PARTE LA REGISTRAZIONE ALL’OAM – DAL 15 GIUGNO SARA’ POSSIBILE CREARE L’AREA AD ACCESSO RISERVATO”

In attesa dell’entrata in vigore del Decreto del Ministero dell’Economia e delle Finanze, recante la modalità ...

Lascia una risposta

Attendere prego...

Iscriviti alla newsletter

Vuoi rimanere aggiornato sulle nostre pubblicazioni? Inserisci il tuo indirizzo mail nel campo sottostante.