Home / News / BREAKING NEWS A.N.T.I.C.O.: PUBBLICATE LE NUOVE FAQ “COMPRO ORO” DEL DIPARTIMENTO DEL TESORO

BREAKING NEWS A.N.T.I.C.O.: PUBBLICATE LE NUOVE FAQ “COMPRO ORO” DEL DIPARTIMENTO DEL TESORO

3 Aprile 2019

Il Dipartimento del Tesoro del Ministero dell’Economia e delle Finanze, ha pubblicato le nuove FAQ chiarificatorie in materia di commercio degli oggetti preziosi usati, che si riportano integralmente:

A fronte di un’operazione compro oro di importo superiore alla soglia prevista dall’articolo 4, comma 2, del decreto legislativo 25 maggio 2017, n. 92, è possibile effettuare/ricevere il pagamento parte in contanti e parte con mezzi di pagamento tracciabili?
Si. A fronte di un’operazione di compro oro d’importo pari o superiore a 500 euro, è possibile effettuare/ricevere il pagamento in contanti fino all’importo di 499,99 euro e, per il rimanente importo, con mezzi tracciabili (ad es. assegno o carta di credito). Tale modalità di pagamento dell’operazione compro oro dovrà essere annotata sulla scheda relativa all’operazione compro oro di cui all’articolo 5 comma 2, del d.lgs. 92/2017″.

“Quali sono gli obblighi a cui soggiacciono gli operatori professionali in oro anche laddove acquistino oggetti preziosi usati da compro oro o da gioiellerie al fine esclusivo di fonderli?
Gli operatori professionali in oro che svolgono o intendano svolgere l’attività di compro oro per come definita dall’articolo 1, comma 1, lettera b) del decreto legislativo 25 maggio 2017, n. 92 sono tenuti all’iscrizione nel registro degli operatori compro oro, come espressamente disposto dall’articolo 3, comma 6 del predetto decreto. Per le finalità di piena tracciabilità della compravendita e permuta di oggetti preziosi usati e di prevenzione dell’utilizzo del relativo mercato per scopi illegali, con specifico riferimento al riciclaggio di denaro e al reimpiego di attività illecite, non rileva, ai fini dell’applicazione del menzionato obbligo di iscrizione, la circostanza che l’acquisto di oggetti preziosi usati sia effettuato al fine esclusivo di fonderli. Pertanto sono tenuti all’iscrizione nel registro gli operatori professionali in oro anche laddove acquistino oggetti preziosi usati da compro oro o da gioielliere al fine esclusivo di fondere tali oggetti. Ai sensi dell’articolo 3, comma 7, del decreto legislativo 25 maggio 2017, n.92 restano altresì ferme, in capo agli operatori professionali in oro, le disposizioni del decreto legislativo 21 novembre 2007, n. 231 in materia, tra le altre, di adeguata verifica della clientela, di conservazione e di segnalazione di operazione sospetta nonché le prescrizioni di cui alla legge 17 gennaio 2000,n. 7”.

Restano ferme le disposizioni applicative contenute nelle FAQ chiarificatorie del Mef “Prevenzione dei reati finanziari”, in materia di gestione del conto corrente dedicato, nonché di frazionamento di operazioni sotto la soglia dei 500,00 €, consultabili al seguente link:

http://www.dt.tesoro.it/it/faq/faq_prevenzione_reati_finanziari.html#faq_0068.html

IN EVIDENZA

WhatsApp Image 2019-07-16 at 16.23.26

COMUNICATO STAMPA: “INGRESSO IN ASSEMBLEA OAM: A.N.T.I.C.O. INCONTRA GLI ESPONENTI DEL MEF”

Milano, 17 luglio 2019 A seguito delle pubbliche recriminazioni e osservazioni di A.N.T.I.C.O. in materia ...

Lascia una risposta

Attendere prego...

Iscriviti alla newsletter

Vuoi rimanere aggiornato sulle nostre pubblicazioni? Inserisci il tuo indirizzo mail nel campo sottostante.